Non dimentichiamoci dei bambini malati di tumore e delle loro famiglie.
30.34% Raised

30% raggiunto

30%
€3.033,87 donati su €10.000,00 di traguardo
8 Donors

L’appello della D.ssa Maura Massimino, Direttore della Struttura Complessa di Pediatria Oncologica della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

La pandemia da Covid-19 ha avuto un effetto di travolgente sorpresa anche sulle nazioni più industrializzate. Dopo i primi momenti di incertezza è diventato evidente che non ci si sarebbe liberati in pochi giorni di una minaccia tanto invisibile quanto insidiosa. Le risposte collettive messe in atto contro la pandemia sono state da un lato tecnologiche, con il potenziamento delle indispensabili strutture di terapia d’urgenza, dall’altro le difese si sono fondate su pratiche come l’isolamento e la quarantena che portano con sé echi arcaici risalenti alle grandi epidemie di epoche antiche.

Mentre lo sguardo delle cronache è concentrato sui reparti di terapia intensiva dove si combatte la dura lotta contro le manifestazioni più gravi del Covid-19, riteniamo utile non perdere di vista altri ambiti molto delicati del nostro sistema assistenziale quali la cura dei tumori dei bambini.
L’epidemia di Coronavirus ha disgregato molte delle routine e delle prassi assistenziali. Attività quali il supporto psicologico diretto, il lavoro educativo e pedagogico e l’assistenza spirituale sono state considerate non-indispensabili e quindi come tali da sospendere.

“Stavo pensando a volete andarvene anche voi. Faccio anche io il bilancio DEI LUNGHI MESI “incoronatI”. Ai miei bambini è rimasto solo il cancro, una mamma o un papà.
E noi. Niente educatori, niente insegnanti, niente volontari. Niente visite. Dei piccoli Gesù crocifissi che guardano qualche povera donna e povero uomo cui tocca pure riciclare le mascherine. E se la vita sarà il loro destino porteranno in giro le nostre cicatrici.”

Si pensa che tutto quanto era considerato scontato, quindi indispensabile, è stato tolto. Pensare a chi ci ha “abbandonati” per dovere istituzionale non ci toglie il pensiero di chi avrebbe potuto farsi sentire per vicinanza personale. Chiedere “come state, come stanno i pazienti, posso fare qualcosa da casa, posso fare qualcosa perché esisto come persona al di là del mio ruolo” era ed è possibile. Ma troppo spesso non è avvenuto. Chiudersi in casa è stato troppo spesso chiudere attenzione ed affetto responsabile.
TEMIAMO FORTEMENTE CHE ANCHE LA GENEROSITA’ E LA SENSIBILITA’ DEI NOSTRI SOSTENITORI SI SIA VOLTA ALTROVE, GIUSTAMENTE SOLLECITATA DALLA MINACCIA DEL MOSTRO SCONOSCIUTO NEI PANNI DI COVID-19, E FATICHI A RICORDARSI DI NOI E SOPRATTUTTO DEI NOSTRI PAZIENTI.

E dopo la crisi cosa accadrà? E’ necessario garantire la continuità di misure di accoglienza e supporto, non soltanto clinico, per evitare ripercussioni a lungo termine in contesti dove le patologie hanno mortalità molto più elevata rispetto al coronavirus.

 

La tua donazione
Details
Metodo di pagamento
Scegli il metodo di pagamento
Termini e Condizioni

Trattamento dei dati

L’Associazione Bianca Garavaglia (sede legale in Via Gavinana, 6 – 21052 Busto Arsizio (VA), C.F.90004370129, mail info@abianca.org, Tel. 0331635077) tiene alla tua privacy e si impegna ad utilizzare i dati personali rispettando il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, che trovi sul sito garanteprivacy.it.

I dati personali vengono raccolti quando compili e invii un modulo, ad esempio per fare una donazione. Di solito richiediamo nome, cognome, email, indirizzo e i dati di pagamento se hai deciso di donare.

I dati saranno trattati solo dal personale e da collaboratori dell’Associazione Bianca Garavaglia o da imprese da noi nominate come Responsabili del Trattamento, sia tramite posta cartacea e telefonate mediante operatore su telefono fisso e mobile, che posta elettronica e SMS.

Raccogliamo i tuoi dati esclusivamente per attività legate alle attività dell’Associazione Bianca Garavaglia, in particolare, per:

  • rispondere se hai bisogno di informazioni;
  • aggiornarti su progetti, iniziative ed eventi;
  • inviarti il materiale informativo;
  • promuovere campagne di sensibilizzazione e di raccolta fondi;
  • gestire operazioni amministrative e contabili legate alle tue donazioni.

I dati potranno essere trattati per attività di profilazione per personalizzare le comunicazioni che ti invieremo, in base alla tue preferenza e alle informazioni che condividi con noi.

Non venderemo le tue informazioni ad altre organizzazioni, e non condivideremo le tue informazioni personali con terze parti per il loro beneficio.

I tuoi dati saranno comunicati a terzi esclusivamente per dare corso alle operazioni da te richieste (es. donazioni) e per l’invio del materiale informativo, se avremo la tua autorizzazione.

Questo sito web utilizza i cookie per rendere la tua navigazione più piacevole, tracciare statistiche in forma anonima e aggregata sul traffico dei siti, raccogliere informazioni, previo consenso, sui tuoi gusti, abitudini, scelte affinché tu possa ricevere messaggi, ad esempio su Facebook o mentre fai ricerche su Google, solo in linea con i tuoi interessi.

In ogni momento, puoi chiedere la consultazione, la modifica, la cancellazione, la limitazione dell’uso dei tuoi dati scrivendo un’email a info@abianca.org. Se lo ritieni opportuno puoi sporgere reclamo ad un’autorità di controllo e nello specifico al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le indicazioni che trovi sul sito web ufficiale: garanteprivacy.it.

Se hai altre domande sul trattamento dei tuoi dati, puoi contattare il nostro Responsabile della Protezione dei Dati, nominato ai sensi dell’art. 37 del Regolamento Europeo 2016/679, chiamando lo 0331635077 o inviando un’email a info@abianca.org.